Associazione Culturale Itimed

>CHIESA SANTA CRISTINA LA VETERE: FURTO DEGLI ULIVI DELLA PACE SULLA VIA DEI PELLEGRINI

>Nella notte fra il 2 ed il 3 maggio sono stati rubati gli alberi di ulivo posti davanti l’ingresso della Chiesa di Santa Cristina La Vetere nel vicolo dei Pellegrini sito dietro la Cattedrale ed antico tratto della famosa via francigena. L’Associazione Itimed, che cura la gestione della fruizione e l’apertura al pubblico del monumento, aveva arredato l’ingresso della chiesa collocandovi due simbolici alberi di ulivo nel tentativo, avviato da quasi un anno, di innescare un processo di ri-qualificazione del vicolo stesso.
Le difficoltà incontrate sono state notevoli, anche dovute ad un totale abbandono della zona da parte delle amministrazioni competenti.
Il vicolo è al buio, non viene quasi mai pulito e non esiste segnaletica turistica nonostante la presenza di un importante monumento di valore storico artistico e nonostante che il vicolo stesso denominato “Via dei Pellegrini” rappresenti dal punto di vista storico-urbanistico un luogo ricco di memoria ed identità per la città stessa.
I soci Itimed lanciano così un appello a tutti coloro che vorranno ascoltarlo di collaborazione al fine di riportare il vicolo alla dignità di “luogo” che aveva nell’antichità offrendo in tal modo al cittadino ed al visitatore un esempio di valorizzazione e di amore per la storia.

VN:F [1.9.17_1161]
Vota da 1 a 10 questo articolo:
Valutazione: 0.0/10 (0 voti)
Itimed

Notizie su 

L’Associazione Culturale Itinerari del Mediterraneo (ITIMED), nasce dall’incontro di differenti figure professionali con un ambizioso programma: valorizzare, tutelare e promuovere gli itinerari culturali al fine di preservare la memoria delle comunità del Mediterraneo ed i relativi territori promuovendo di fatto lo Sviluppo attraverso la Cultura

  • Ettore

    >Non ci sono parole per definire
    gli individui che si sono
    macchiati di questo meschino
    furto. A questo punto risulta
    anche arduo stabilire se sia il
    caso di ri-acquistare le piante
    in modo da dimostrare a questa
    gente la nostra tenacia.
    In ogni caso, come hanno già
    evidenziato i precedenti commenti,
    e come si parla già da parecchio
    tempo, il vicolo è in uno stato
    davvero pietoso.
    La vera rinascita costituirebbe
    nell’abbattimento delle barriere
    che consentirebbero al vicolo di
    poter congiungersi con la zona
    della Guilla, recuperando i
    fasti di un tempo.
    Ma quello che possiamo limitarci
    a fare adesso è renderlo il
    più pulito possibile e
    cominciare un’opera di
    riqualificazione di un posto
    che non ha assolutamente niente
    da invidiare al resto della
    città.

    Ettore

    VA:F [1.9.17_1161]
    Rating: 0.0/5 (0 votes cast)
  • Fabiana

    >E’ molto spiacevole quello che è accaduto.
    Nonostante ciò, noi di Itimed, continueremo a valorizzare “Il vicolo dei pellegrini”, affinchè, venga rivalutata una zona sacra ed importante come quella dietro la Cattedrale, per dar luce ad una chiesa abbandonata dal suo popolo quale S.Cristina La Vetere.
    Non abbiamo degli “aiuti esterni” ma la forza non ci manca perchè crediamo in ciò che facciamo.
    Speriamo che qualcuno ci ascolti e ci dia anche relativamente una mano d’aiuto!!!

    Fabiana

    VA:F [1.9.17_1161]
    Rating: 0.0/5 (0 votes cast)
  • Anonymous

    >Stai pur certa, silvia, che è lungi da noi l’idea di arrenderci all’inciviltà e al non rispetto della nostra città verso un monumento ed ancor prima verso una chiesa..continueremo il nostro progetto!!!
    un socio itimed

    VA:F [1.9.17_1161]
    Rating: 0.0/5 (0 votes cast)
  • Anonymous

    >E’ riprovevole ciò che è avvenuto, in un luogo sacro offerto alla città. Sono vicina ai soci Itimed per quello che fanno e li esorto a non demordere.
    Saluti
    Silvia

    VA:F [1.9.17_1161]
    Rating: 0.0/5 (0 votes cast)

Vieni a visitarci

Se vuoi saperne di più sull'Associazione, se sei interessato ad una delle nostre iniziative, o semplicemente per curiosità, vienici a trovare in

Via Giacomo Cusmano, 28, Palermo

Contatti