Associazione Culturale Itimed

>gli amici vispi siciliani!

>

Oltre ad un territorio splendido, ed estremamente denso nella sua storia e nelle tradizioni, Piazza Armerina ha riservato ad ITIMED nella work session di venerdì e sabato un contatto con i suoi abitanti sorprendente. La costruzione del “progetto esecutivo” dell’itinerario dei Cavalieri e Pellegrini è disegnata attraverso un processo dialogico complesso che coinvolge i soggetti decisori ed agenti sul territorio a vario livello; su queste pagine ci riproponiamo, proprio in questi giorni, di rendere visibile l’intera metodologia: dal coinvolgimento dei soggetti alla messa a punto delle strategie di gestione e comunicazione dell’itinerario. Intanto vorremmo presentarvi un partner molto particolare che avrà sicuramente un ruolo ben distinto nel nostro percorso, si tratta dell’associazione “i vispi siciliani:MTB Sicilia”; affidiamo alle loro stesse parole il compito di presentarsi…[ADP]

Una delle cose che la maggior parte dei bambini impara dopo aver camminato è andare in bicicletta. Forse per molti oggi appare una cosa “banale” ma sicuramente basta ripensare alla nostra personale esperienza di “ciclisti” finalmente autonomi, senza rotelle e senza il braccio di mamma e papà a sorreggerci, per capire quanto questo momento sia stato un importante momento di crescita personale, una iniziazione alla vita autonoma, un attimo di vera libertà, ma tutti i bambini o ragazzi di oggi sanno andare in Bici? NO! 
Alcune statistiche dicono che il 30% dei bimbi dai 6 ai 12 anni non sa andare in bici! Sicuramente lo sviluppo delle realtà urbane ha contribuito a questo fenomeno, non ci sono dubbi che al giorno d’oggi le strade appartengano a camion ed automobili e l’andare in bici è qualcosa che si può scoprire solo se si vive in un piccolo paese. Ma sicuramente esiste un’alternativa… andare in MOUNTAIN BIKE! 

Alcuni, probabilmente le ultime pedalate le hanno fatte seduti su una GRAZIELLA; andare su una moderna MTB e percorrere strade sterrate, sentieri cosparsi di buche, rami e tante altre insidie è un altra cosa.La bicicletta da montagna nasce in California, negli Stati Uniti, verso la fine degli anni Sessanta. All’inizio le mountain bike non erano altro che robuste biciclette modificate in modo da poter sopportare le sollecitazioni di escursioni fuoristrada, ed erano probabilmente utilizzate da gruppi hippy in cerca di spazi incontaminati. Il fenomeno mountain bike dilago’ in tutti gli Stati Uniti e più tardi, negli anni Ottanta, in Europa. La cultura della mountain bike e dei suoi appassionati si è sviluppata intorno a valori come l’amore per la natura e gli ambienti incontaminati, ma anche le forti emozioni. 

Anche il cicloturismo, vale a dire un comparto del turismo di massa particolarmente rispettoso dell’ambiente, deve trovare il sostegno dei pubblici poteri centrali e locali, tenuto conto inoltre delle positive ricadute, in termini occupazionali e di sviluppo delle economie locali, connesse a quest’attività, nonché della crescente domanda del turismo estero, cui deve corrispondere un’offerta adeguata al livello degli altri Paesi europei. 

Per dare impulso dunque alla mobilità ciclistica – sia a livello urbano, sia per la pratica del ciclo escursionismo proponiamo un turismo “diverso” attraverso la realizzazione di percorsi in bici da strada o in Mtb di bassa, media o alta difficoltà ripercorrendo con delle guide esperte i magnifici luoghi incontaminati che costituiscono il nostro Territorio, con visite guidate su siti archeologici, ruderi di castelli, passando attraverso eremi, laghi artificiali e tutto quello che la storia ci ha lasciato. 

L’associazione di Volontariato “ I Vispi Siciliani Mtb Piazza Armerina”, da anni si occupa di far conoscere il territorio della Sicilia da un punto di vista sportivo-turistico legato all’ambiente, utilizzando la bici da montagna e da strada. Attraverso delle apparecchiature, dispositivi satellitari e videocamere, l’associazione nel tempo ha filmato e mappato il territorio individuando particolari percorsi quali siti archeologici, centri storici, boschi con le varie riserve naturali, percorribili in bici a qualsiasi grado di difficoltà (esperti e non). Molti filmati e mappe sono visibili su Youtube, Facebook o Turbolince e Everytrail siti specializzati nel promuovere turismo ciclo amatoriale. 

Fonte e info su www.mtbsicilia.com

VN:F [1.9.17_1161]
Vota da 1 a 10 questo articolo:
Valutazione: 0.0/10 (0 voti)
Itimed

Notizie su 

L’Associazione Culturale Itinerari del Mediterraneo (ITIMED), nasce dall’incontro di differenti figure professionali con un ambizioso programma: valorizzare, tutelare e promuovere gli itinerari culturali al fine di preservare la memoria delle comunità del Mediterraneo ed i relativi territori promuovendo di fatto lo Sviluppo attraverso la Cultura

Vieni a visitarci

Se vuoi saperne di più sull'Associazione, se sei interessato ad una delle nostre iniziative, o semplicemente per curiosità, vienici a trovare in

Via Giacomo Cusmano, 28, Palermo

Contatti