Associazione Culturale Itimed

The Way to Jerusalem – itinerari marittimi, culturali e di pellegrinaggio

  • Mar 28

    Inizio: 28 March, 2014 @ 4:00 pm

The Way to Jerusalem:itinerari marittimi, culturali e di pellegrinaggio

e la Rete delle Associazioni per la Francigena di Sicilia

Presentazione progetto internazionale e Tavola rotonda:

Via Francigena di Sicilia: Testimonianze urbane e paesaggio rurale in mobilità lenta. Quali obiettivi per il 2020 ?”

 

Venerdì 28 marzo presso il Palazzo Villafranca alle ore 16.00 si presenterà, il progetto europeo”The Way to Jerusalem’, progetto prestigioso che ha l’obiettivo di valorizzare le antiche rotte terrestri e marittime percorse da mercanti, pellegrini, laici e religiosi nei lunghi viaggi diretti verso Gerusalemme, una delle più importanti mete di ‘peregrinationes maiores’.

La costituzione, nel settembre 2013, dell’associazione internazionale “The Way to Jerusalem”, nata dallo stimolo propulsivo del Centro Studi Viator, coordinato dalla Prof.ssa Anna Trono dell’Università del Salento – Lecce, ha permesso l’aggregarsi di numerose identità internazionali che, dalla Grecia all’Albania e dalla Bulgaria alle coste italiane dell’Adriatico pugliese, condividono, citando lo Statuto associativo, “lo stesso principio dipromozione del turismo responsabile e consapevole, rispettoso e sostenibile, favorendo forme di mobilità lenta, di esperienza e di conoscenza che consentono uno sviluppo culturale, economico e sociale diffuso e durevole del territorio del Mediterraneo ed europeo come un’unica destinazione turistica integrata”.

Tale progetto pone le sue basi su uno spazio, il Mediterraneo, luogo comune d’incontro e confronto, in passato campo di battaglia adesso terreno di sviluppo potenziale per ogni forma di conoscenza e d’incremento del concetto di diritto, di cittadinanza e di scoperta consapevole.

In questa chiave, il progetto “The Way to Jerusalem” è statopresentato al Consiglio d’Europa , all’attenzione della commissioneItinerari Culturali, per una possibile candidatura al riconoscimentoeuropeo di qualità ed interesse per la cooperazione culturale per la cooperazione culturale, lo sviluppo sostenibile dei territori e la coesione sociale con particolare attenzione ai temi simbolicamente importanti per l’unità, la storia, la cultura e i valori.

Proprio per questo motivo, l’associazione “Amici dei Cammini Francigeni di Sicilia”, insieme all’Associazione Culturale Itinerari del Mediterraneo-Itimed di Palermo, ad Etna ‘Ngeniousa di Catania, a Ciukino di Piazza Armerina, a GMN Biancadi Avola ed alla Confraternita di San Jacopo di Compostela nella sua sede locale di Caltagirone, promotori della “Rete delle associazioni per la Francigena di Sicilia”, nata di recente per unificare gli sforzi e le attività delle singole associazioni si trovano in sintonia con il progetto suddetto del Centro Studi Viator, proponendosi come contesto territoriale e sociale adatto allo sviluppo di una rotta occidentale” verso Gerusalemme.

Basandosi sugli studi tuttora in corso da parte della comunità scientifica storico-archeologica e raccogliendo al suo interno la doppia anima della ricerca e dello sviluppo turistico sostenibile, la Rete presenta le sue linee programmatiche finalizzate allo studio, alla realizzazione, al mantenimento e alla diffusione di un itinerario della interculturalità, attraverso un piano integrato di interventi di sviluppo per la valorizzazione del patrimonio culturale, storico, tradizionale in Sicilia denominato “Itineraria Pellegrinorum: la Via Francigena in Sicilia”.

 

Con la tavola rotonda: “Via Francigena di Sicilia: Testimonianze urbane e paesaggio rurale in mobilità lenta. Quali obiettivi per il 2020 ?” alla quale sono stati invitati i dirigenti generali e gli Assessori regionali oltre che docenti ed esperti del settore, si intende accendere l’attenzione sul ruolo strategico che può assumere il tema della viabilità storica quale spina dorsale dello sviluppo turistico, culturale, rurale ed economico del nostro territorio.

 

Valorizzare il contesto territoriale siciliano, partendo dal “bene”, la testimonianza storico-archeologica, per giungere alla fruizione turistica, attraverso la creazione di tavoli di coordinamento tra le varie amministrazioni e associazioni di pellegrini.

Rendere consapevole l’amministrazione regionale del patrimonio storico culturale legato al passaggio lungo gli assi viari antichi, denominati Vie francigene, dei pellegrinaggi in età alto medievale, attraverso la mappatura, il posizionamento della segnaletica, la disponibilità ricettiva degli ostelli e la creazione di una guida al cammino francigeno di Sicilia tale da poter assicurare la giusta copertura mediatica.

Valorizzare le tradizioni e le risorse storico-culturali e rurali legate ai territori di pertinenza, favorendone la fruizione in un’ottica di integrazione e diffusione, anche a livello internazionale, ed inserendo l’intero percorso nel R.E.I. Registro delle eredità immateriali e nei vari R.E.I.L locali, capaci così di poter offrire una proposta integrata e di spessore.

Sensibilizzare l’opinione pubblica e le autorità civili ed ecclesiastiche sulla possibilità di utilizzo dei cammini francigeni siciliani come mezzo di riappropriazione del territorio, riconquista del bello,nuova forma di evangelizzazione e utilizzo dello spazio in modo consapevole.

Per tali motivazioni, la nascente Rete, ed il progetto internazionale The Way to Jerusalem camminano paralleli, sviluppando circuiti di buone prassi in territori rurali tenuti fuori dalle rotte turistiche maggiori, ma capaci di accogliere e cogliere il senso della storia e della tradizione che porta la Sicilia ad essere centro, omphalos greco, punto d’incontro tra culture, porto di partenza per rotte che hanno permesso, nel corso del tempo, di giungere ai piedi dei luoghi sacri e che oggi, con rinnovata prospettiva, possono permettere una riappropriazione del territorio a mobilità lenta.

 

Se la lungimiranza delle Istituzioni sarà capace di leggere dentro i passi e la polvere delle antiche vie, potrà vedere il passaggio di una microeconomia locale, di uno sviluppo graduale che lavora il bene in funzione del Bene, che educa bambini ed adolescenti a prendersi cura di ciò che può dar loro un futuro, che muta il disinteresse nella presa di coscienza.

 

28 marzo Palazzo Alliata di Villafranca- piazza Bologni – Palermo

Ore 16.00 registrazione dei partecipanti

Ore 16.30 saluti

  • Arch. Antonella Italia – Presidente Associazione Culturale Itinerari del Mediterraneo

  • Don Silvio Sgrò – Rettore Seminario Arcivescovile di Palermo

  • Arch.Gaetano Renda – Direttore Ufficio Beni Culturali Ecclesiastici Arcidiocesi di Palermo

Ore 17.00

  • Presentazione progetto internazionale The Way to Jerusalem – Prof. Anna Trono – Dipartimento Beni Culturali Università del Salento

  • Presentazione della Rete Associazioni per la Francigena di Sicilia – Dott. Davide Comunale- Presidente Associazione Amici dei Cammini Francigeni di Sicilia

Ore 17.30 tavola rotonda

Intervengono:

  • Dario Cartabellotta- Assessore regionale all’Agricoltura e allo sviluppo rurale
  • Michela Stancheris – Assessore regionale Turismo
  • Lucenzo Tambuzzo – Presidente I World
  • Carla Quartarone – docente di Urbanistica
  • Aurelio Burgio –docente di Topografia antica
  • Pietro Columba – docente di Economia rurale

Interventi programmati

Aderenti alla rete di cooperazione sul turismo religioso nel bacino del Mediterraneo e al 3° Decalogos Tour 2014: “Cammini e trazzere di Sicilia”

  • Comune di Palermo

  • Arcidiocesi di Palermo

  • Diocesi di Monreale

  • Comune di Monreale

  • Gal Terre Normanne

  • Comune di Prizzi

  • Comune di Castronovo di Sicilia

  • Comune di Vicari

  • Comune di Petralia Soprana

  • Gal ISC Madonie

  • Gal Metropoli Est

  • Diocesi di Agrigento

  • Comune di Patti

  • Diocesi di Mazzara del Vallo

  • Comune di Valverde

  • Ethica

  • Istituto per la Dieta Mediterranea-IDIMED

  • Associazione BIC Bici in Città

  • Accademia Psicologia Applicata

  • Cooperativa Terradamare

  • Spazio Cultura Libreria Macaione

VN:F [1.9.17_1161]
Vota da 1 a 10 questo articolo:
Valutazione: 0.0/10 (0 voti)

Vieni a visitarci

Se vuoi saperne di più sull'Associazione, se sei interessato ad una delle nostre iniziative, o semplicemente per curiosità, vienici a trovare in

Via Giacomo Cusmano, 28, Palermo

Contatti