Associazione Culturale Itimed

ItiTwoWeeKs 6_2009

Ed eccoci nuovamente qui con il nostro ITItwoWeeks. Analizzeremo il mese di Settembre, periodo intermedio tra la fine dell’ estate e l’inizio dell’ autunno . Protagoniste al centro di tutto, come sempre, le nostre due chiesette, San Cataldo e Santa Cristina La Vetere.


Periodo di riferimento: Intero mese di Settembre
Documenti: Marù, Roberta, Ettore, Fabiana, Maddalena.
Stesura: Letizia Balistreri.


Il decorso di Settembre ha visto turisti da ogni parte e non sono di certo mancati i momenti di emozione.
Anche tra noi italiani ogni tanto spiccava la passione per l’arte, dimostrato da un signore, desideroso d’informazione, che ha affermato d’avere avvertito una forte energia.E poi ancora visitatori, gente che ritornava in compagnia di amici per rivedere queste meraviglie. Inoltre non sono mancati insegnanti di storia ed arte, i quali si cimentavano a raccogliere materiale per le loro lezioni, fotografando la Chiesa di san Cataldo nei minimi particolari.

Sono arrivati turisti da parecchie nazioni: spagnoli, francesi, tedeschi, olandesi polacchi, perfino un gruppo di danesi nella nostra piccola chiesetta di Santa Cristina.
E così tanti complimenti, anche da gente che raccontava, con molta tristezza, di vedere spesso nella propria città delle chiese gestite dai Cavalieri del Santo Sepolcro non fruibili al visitatore.
Anche questo un mese ricco di emozioni che ha visto anche momenti di ilarità a causa di alcune questioni posteci dai turisti riguardo la presenza o meno di Statue Allegoriche oppure l’importanza di visitare la chiesa all’interno.

Questo mese ci hanno anche accompagnato alcuni giorni di nubifragio, che, nonostante tutto, non hanno bloccato totalmente la bramosità del turista, infatti non sono mancati gruppi di varie nazionalità ed è anche aumentata la vendita delle preziosità che ci offre la chiesa.
Abbiamo inoltre ricevuto la visita di un gruppo di 46 inglesi del tour operator dell’agenzia Sole Blu Sicilia; questo ci consente di dire che il decorso è stato molto positivo.
Proprio così, le nostre chiesette hanno dato tante emozioni; pensate che molti visitatori erano talmente incantati da dimenticare spesso oggetti o altro all’ interno della chiesa.
Pensate che un visitatore ha dimenticato il portafoglio e dopo il nostro contatto è tornato a riprenderlo e dalla felicità ha lasciato una congrua mancia.
Non sarà mica perché le nostre chiesette fanno proprio perdere la testa?

VN:F [1.9.17_1161]
Vota da 1 a 10 questo articolo:
Valutazione: 0.0/10 (0 voti)
Itimed

Notizie su 

L’Associazione Culturale Itinerari del Mediterraneo (ITIMED), nasce dall’incontro di differenti figure professionali con un ambizioso programma: valorizzare, tutelare e promuovere gli itinerari culturali al fine di preservare la memoria delle comunità del Mediterraneo ed i relativi territori promuovendo di fatto lo Sviluppo attraverso la Cultura

Vieni a visitarci

Se vuoi saperne di più sull'Associazione, se sei interessato ad una delle nostre iniziative, o semplicemente per curiosità, vienici a trovare in

Via Giacomo Cusmano, 28, Palermo

Contatti